Il testo analizza le decorazioni realizzate da Felice Giani e dalla sua èquipe a Palazzo Laderchi, Faenza, negli anni Novanta del Settecento. Committente dei lavori i fratelli Laderchi, esponenti della borghesia filofrancese, membri del ceto dirigenziale della Repubblica Cisalpina. La cultura dei committenti si riflette nella decorazione progettata da Giani, ricca di riferimenti alla simbologia massonica, con richiami alchemici ed esoterici. Il saggio evidenzia la capacità dell’artista di tradurre in immagini sogni e ambizioni di una nuova classe sociale in ascesa, che, nel solco degli ideali della Rivoluzione Francese, esalta il temperamento e la cultura più che il rango e la ricchezza.

Una favola per semidei. Felice Giani a palazzo Laderchi

OTTANI, ANNA
2005

Abstract

Il testo analizza le decorazioni realizzate da Felice Giani e dalla sua èquipe a Palazzo Laderchi, Faenza, negli anni Novanta del Settecento. Committente dei lavori i fratelli Laderchi, esponenti della borghesia filofrancese, membri del ceto dirigenziale della Repubblica Cisalpina. La cultura dei committenti si riflette nella decorazione progettata da Giani, ricca di riferimenti alla simbologia massonica, con richiami alchemici ed esoterici. Il saggio evidenzia la capacità dell’artista di tradurre in immagini sogni e ambizioni di una nuova classe sociale in ascesa, che, nel solco degli ideali della Rivoluzione Francese, esalta il temperamento e la cultura più che il rango e la ricchezza.
Ravenna Festival 2005. Viaggio fra simbolismo e utopia.
I
XX
A. Ottani
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/37577
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact