L’origine del materiale organico normalmente incontrato sulla superficie di monumenti ed edifici storici e archeologici in marmo e calcare è di complessa individuazione. Diversi possono essere infatti i fattori che contribuiscono alla sua presenza: prodotti di degrado biologico, alterazione di trattamenti protettivi applicati in passato e deposizione atmosferica. Tra i composti organici, anioni a corta catena carboniosa quali acetati, formiati ed ossalati, vengono costantemente identificati unitamente agli anioni traccianti tipici di inquinamento atmosferico, in concentrazioni non trascurabili, mediante analisi in cromatografia ionica, nelle croste nere campionate su monumenti ed edifici situati in aree urbane o industrializzate. Whewellite e weddellite, ossalati di calcio monoidrato e biidrato rispettivamente, sono stati frequentemente riscontrati, attraverso analisi in microscopia ottica polarizzata su sezioni sottili, microscopia elettronica a scansione e diffrattometria a raggi x, sotto forma di sottili strati superficiali su monumenti ed oggetti in marmo e calcare localizzati in diverse aree geografiche ed appartenenti a vari periodi storici. In questo lavoro sono sintetizzate le ipotesi di lavoro sviluppate e i sultati ottenuti mediante l’applicazione di nuove metodologie analitiche al fine di colmare le lacune attualmente esistenti in letteratura riguardo questa problematica di grande rilevanza per la ricerca applicata ai beni culturali.

Ossalati e biodegrado.

GHEDINI, NADIA;
2006

Abstract

L’origine del materiale organico normalmente incontrato sulla superficie di monumenti ed edifici storici e archeologici in marmo e calcare è di complessa individuazione. Diversi possono essere infatti i fattori che contribuiscono alla sua presenza: prodotti di degrado biologico, alterazione di trattamenti protettivi applicati in passato e deposizione atmosferica. Tra i composti organici, anioni a corta catena carboniosa quali acetati, formiati ed ossalati, vengono costantemente identificati unitamente agli anioni traccianti tipici di inquinamento atmosferico, in concentrazioni non trascurabili, mediante analisi in cromatografia ionica, nelle croste nere campionate su monumenti ed edifici situati in aree urbane o industrializzate. Whewellite e weddellite, ossalati di calcio monoidrato e biidrato rispettivamente, sono stati frequentemente riscontrati, attraverso analisi in microscopia ottica polarizzata su sezioni sottili, microscopia elettronica a scansione e diffrattometria a raggi x, sotto forma di sottili strati superficiali su monumenti ed oggetti in marmo e calcare localizzati in diverse aree geografiche ed appartenenti a vari periodi storici. In questo lavoro sono sintetizzate le ipotesi di lavoro sviluppate e i sultati ottenuti mediante l’applicazione di nuove metodologie analitiche al fine di colmare le lacune attualmente esistenti in letteratura riguardo questa problematica di grande rilevanza per la ricerca applicata ai beni culturali.
Biologia e archeobiologia nei beni culturali. Conoscenze, problematiche e casi di studio.
201
209
C. Sabbioni; N. Ghedini; A. Bonazza; C. Natali
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/37551
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact