Fra «ius controversum», discrezionalità del giudicante e assetti costituzionali