Il saggio è inserito nella sezione “Procedure per la valorizzazione degli scarti edilizi” del libro “Riciclare in architettura” (a cura di Virginia Gangemi), che raccoglie i contributi delle varie unità operative della ricerca interuniversitaria MURST 2000: Strategie per la promozione della pratica del riciclaggio in architettura. Lo scritto indaga i processi edilizi in relazione alle problematiche legate alla crescente emergenza ambientale derivante dall’esauribilità delle risorse energetiche e dei materiali disponibili non rinnovabili, dalla limitata capacità di degradabilità dei materiali, dalla difficoltà di contenere le sostanze nocive rilasciate nell’ambiente, dalla consistente quantità di rifiuti prodotti durante le operazioni dio costruzione e demolizione, difficile da gestire. L’obiettivo è il controllo dello smaltimento attraverso un ciclo di recupero di qualità degli scarti derivanti dalle attività di cantiere. Viene esaminata la situazione in vari Paesi europei, le procedure e le tecniche di demolizione selettiva, le operazioni di pianificazione della gestione dei materiali di scarto, vengono comparate le procedure di demolizione tradizionale con quelle di demolizione selettiva sulla base dell’analisi di un caso studio specifico, analizzati i fattori d’incidenza e le prospettive di sviluppo della pratica di demolizione finalizzata al recupero e al riciclaggio dei materiali di scarti.

Anche gli edifici muoiono: un caso di studio

LONGO, DANILA
2004

Abstract

Il saggio è inserito nella sezione “Procedure per la valorizzazione degli scarti edilizi” del libro “Riciclare in architettura” (a cura di Virginia Gangemi), che raccoglie i contributi delle varie unità operative della ricerca interuniversitaria MURST 2000: Strategie per la promozione della pratica del riciclaggio in architettura. Lo scritto indaga i processi edilizi in relazione alle problematiche legate alla crescente emergenza ambientale derivante dall’esauribilità delle risorse energetiche e dei materiali disponibili non rinnovabili, dalla limitata capacità di degradabilità dei materiali, dalla difficoltà di contenere le sostanze nocive rilasciate nell’ambiente, dalla consistente quantità di rifiuti prodotti durante le operazioni dio costruzione e demolizione, difficile da gestire. L’obiettivo è il controllo dello smaltimento attraverso un ciclo di recupero di qualità degli scarti derivanti dalle attività di cantiere. Viene esaminata la situazione in vari Paesi europei, le procedure e le tecniche di demolizione selettiva, le operazioni di pianificazione della gestione dei materiali di scarto, vengono comparate le procedure di demolizione tradizionale con quelle di demolizione selettiva sulla base dell’analisi di un caso studio specifico, analizzati i fattori d’incidenza e le prospettive di sviluppo della pratica di demolizione finalizzata al recupero e al riciclaggio dei materiali di scarti.
Emergenza ambiente
174
180
D. Longo
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/31467
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact