Gli studi presentati illuminano il rapporto del D'Annunzio con alcuni dei più noti poeti crepuscolari attraverso il dialogo intertestuale fra test così cronologicamente vicini che rendono necessario l'uso della doppia nozione di temporalità testuale e di temporalità del gusto. Abbandonando la dialettica critica del superamento dannunziano da parte dei crepuscolari, il concetto di temporalità testuale disegna uno spazio semantico-letterruio entro il quale il testo che segue riscrive il testo che precede nella forma dell'autocontinuazione solidale più che nella forma della destrutturazione parodica.

Paradossi dell'intertestualità

PIERI, PIERO
2004

Abstract

Gli studi presentati illuminano il rapporto del D'Annunzio con alcuni dei più noti poeti crepuscolari attraverso il dialogo intertestuale fra test così cronologicamente vicini che rendono necessario l'uso della doppia nozione di temporalità testuale e di temporalità del gusto. Abbandonando la dialettica critica del superamento dannunziano da parte dei crepuscolari, il concetto di temporalità testuale disegna uno spazio semantico-letterruio entro il quale il testo che segue riscrive il testo che precede nella forma dell'autocontinuazione solidale più che nella forma della destrutturazione parodica.
196
9788890090554
PIERI P.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/3091
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact