Traducibilità e processi traduttivi. Un caso: A. Gramsci Linguista