Sindrome di Seckel: un caso riabilitato con protesi mobile