Tra micro e macro: la filiera del patrimonio culturale