Bruno, l'architettura e "il terzo nome del gatto"