Il saggio compie un'indagine sull'opera rieducativa delle cosiddette "discole" internate nel Reclusorio bolognese, istituito nel 1822 per volontà del Cardinal Legato Giuseppe Spina. Si cercheranno di fare emergere le strategie alla base dell'internamento: seppur aperto per "correggere" le cosiddette "classi pericolose", nel corso degli anni il Reclusorio aprì le sue porte anche alle donne incinte e ad altre "classi di persone", andando a deviare dal mero compito correzionale.

Correggere e riplasmare: l’opera rieducativa delle “discole” nella Bologna preunitaria. Il caso del “Reclusorio pei discoli”

RAIMONDO, ROSSELLA
2013

Abstract

Il saggio compie un'indagine sull'opera rieducativa delle cosiddette "discole" internate nel Reclusorio bolognese, istituito nel 1822 per volontà del Cardinal Legato Giuseppe Spina. Si cercheranno di fare emergere le strategie alla base dell'internamento: seppur aperto per "correggere" le cosiddette "classi pericolose", nel corso degli anni il Reclusorio aprì le sue porte anche alle donne incinte e ad altre "classi di persone", andando a deviare dal mero compito correzionale.
La ricerca storico-educativa oggi. Un confronto di metodi modelli e programmi di ricerca
479
494
Raimondo, Rossella
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/249525
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact