L'articolo riesamina l'influente lettura averroistica della poesia cavalcantiana proprosta da Bruno Nardi, e mostra come essa finisca per porsi paradossalmente in contrasto con alcune carattersitiche attribuite dallo stesso Nardi al pensiero averroistico. Si propone perciò un'attenta revisione del paradigma critico elaborato dal Nardi ai fini di una corretta comprensione della dottrina filosofica che informa il cavalcantiano 'pensiero poetante'.

Guido, Averroè e il «granchio» di Platone. Considerazioni sull’averroismo in Cavalcanti e in Bruno Nardi / Angelo M., Mangini. - STAMPA. - (2014), pp. 243-256.

Guido, Averroè e il «granchio» di Platone. Considerazioni sull’averroismo in Cavalcanti e in Bruno Nardi.

MANGINI, ANGELO MARIA
2014

Abstract

L'articolo riesamina l'influente lettura averroistica della poesia cavalcantiana proprosta da Bruno Nardi, e mostra come essa finisca per porsi paradossalmente in contrasto con alcune carattersitiche attribuite dallo stesso Nardi al pensiero averroistico. Si propone perciò un'attenta revisione del paradigma critico elaborato dal Nardi ai fini di una corretta comprensione della dottrina filosofica che informa il cavalcantiano 'pensiero poetante'.
2014
Il "mondo errante". Dante fra letteratura, eresia e storia
243
256
Guido, Averroè e il «granchio» di Platone. Considerazioni sull’averroismo in Cavalcanti e in Bruno Nardi / Angelo M., Mangini. - STAMPA. - (2014), pp. 243-256.
Angelo M., Mangini
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/234492
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact