Il saggio esplora la presenza del 'discorso provocatorio ed orrendo' (Manganelli) dell'immortalità melanconica, ovvero della convinzione delirante di non poter morire, nell'opera di numerosi autori italiani del Novecento (Landolfi, Montale, Joppolo, Delfini, Caproni, Piovene...)

«Discorso provocatorio ed orrendo». Sull’immortalità melanconica nella letteratura italiana del Novecento

MANGINI, ANGELO MARIA
2008

Abstract

Il saggio esplora la presenza del 'discorso provocatorio ed orrendo' (Manganelli) dell'immortalità melanconica, ovvero della convinzione delirante di non poter morire, nell'opera di numerosi autori italiani del Novecento (Landolfi, Montale, Joppolo, Delfini, Caproni, Piovene...)
La letteratura italiana a congresso. Bilanci e prospettive del decennale (1996-2006)
1135
1143
Angelo M. Mangini
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/234484
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact