Un «borghese stregato» in Sicilia. Lingua e intratestualità in Buzzati