La televisione tra archivio e spettacolo