I tumori perivascolari sono neoplasie che originano dalla componente non endoteliale della parete vascolare e le forme spontanee nei teleostei sono molto rare. In bibliografia sono descritti casi di emangiopericitoma epatico indotto sperimentalmente in medaka (Oryzias latipes), sheepshead minnow (Cyprinodon variegatus) e rivulus (Rivulus ocellatus) esposti a diethylnitrosamine e N-methyl-N'-nitro-N-nitrosoguanidine, e in specie di Poecilidi esposti a 7,12-dimethyl benz(a)anthracene. Una carpa koi (Cyprinus carpio koi) maschio d’allevamento di più di 6 anni d’età, 55 cm di lunghezza, di origine israeliana presentava sul cranio delle lesioni cutanee multifocali a carattere proliferativo, che formavano delle placche (2,2 x 1,2 cm nella regione nasale e 3,2 x 2,3 cm dorsalmente all’opercolo) a margine irregolare di colore bianco-rosato (disegno capillare/vascolare marcato). A seguito dell’eutanasia sono stati condotti esami bio-molecolari in PCR end-point dalle lesioni cutanee e dall’encefalo per escludere la presenza di CyHV-1. Le lesioni sono state campionate, fissate in formalina tamponata al 10% e processate routinariamente per l’esame istologico. È stato effettuato un esame immunoistochimico utilizzando anticorpi anti-GFAP e anti-S100, anti-actina muscolare liscia, anti-desmina. È stato inoltre effettuato un approfondimento ultrastrutturale per confermare la diagnosi istologica. All’istologia si osservava una neoplasia dermica non capsulata, scarsamente demarcata, altamente cellulare e infiltrante, costituita da cellule fusate disposte in vortici attorno ai capillari e sostenute da un moderato stroma fibrovascolare. Le cellule erano caratterizzate da moderata quantità di citoplasma eosinofilo, limiti cellulari indistinti, rapporto nucleo/citoplasmatico intermedio e nucleo ovale centrale con cromatina finemente granulare e nucleoli prominenti, color magenta, spesso multipli. Anisocitosi e anisocariosi erano moderate ed erano presenti una media di 2 mitosi per campo a forte ingrandimento, spesso atipiche. Multifocalmente si osservava un lieve infiltrato infiammatorio intratumorale costituito prevalentemente da piccoli linfociti e macrofagi carichi di pigmento giallo-brunastro, associato ad una moderata fibrosi. L’epidermide sovrastante era moderatamente iperplastica con degenerazione vacuolare e multifocali ulcere. Le cellule neoplastiche mostravano una positività multifocale e citoplasmatica all’actina mentre risultavano negative per i restanti anticorpi testati. Le caratteristiche istologiche, immunoistochimiche e ultrastrutturali sono compatibili con la diagnosi di tumore perivascolare.

DESCRIZIONE DI UN TUMORE PERIVASCOLARE CUTANEO IN UNA CARPA KOI (CYPRINUS CARPIO KOI) / Sirri R.; Avallone G.; Brachelente C.; Mandrioli L.; Pretto T.. - STAMPA. - (2013), pp. 88-88. (Intervento presentato al convegno XIX Convegno Nazionale della Società Italiana di Patologia Ittica tenutosi a Siracusa-Aula Paolo Borsellino-Palazzo Vermexio nel 14-16 novembre2013).

DESCRIZIONE DI UN TUMORE PERIVASCOLARE CUTANEO IN UNA CARPA KOI (CYPRINUS CARPIO KOI).

SIRRI, RUBINA;AVALLONE, GIANCARLO;MANDRIOLI, LUCIANA;PRETTO, TOBIA
2013

Abstract

I tumori perivascolari sono neoplasie che originano dalla componente non endoteliale della parete vascolare e le forme spontanee nei teleostei sono molto rare. In bibliografia sono descritti casi di emangiopericitoma epatico indotto sperimentalmente in medaka (Oryzias latipes), sheepshead minnow (Cyprinodon variegatus) e rivulus (Rivulus ocellatus) esposti a diethylnitrosamine e N-methyl-N'-nitro-N-nitrosoguanidine, e in specie di Poecilidi esposti a 7,12-dimethyl benz(a)anthracene. Una carpa koi (Cyprinus carpio koi) maschio d’allevamento di più di 6 anni d’età, 55 cm di lunghezza, di origine israeliana presentava sul cranio delle lesioni cutanee multifocali a carattere proliferativo, che formavano delle placche (2,2 x 1,2 cm nella regione nasale e 3,2 x 2,3 cm dorsalmente all’opercolo) a margine irregolare di colore bianco-rosato (disegno capillare/vascolare marcato). A seguito dell’eutanasia sono stati condotti esami bio-molecolari in PCR end-point dalle lesioni cutanee e dall’encefalo per escludere la presenza di CyHV-1. Le lesioni sono state campionate, fissate in formalina tamponata al 10% e processate routinariamente per l’esame istologico. È stato effettuato un esame immunoistochimico utilizzando anticorpi anti-GFAP e anti-S100, anti-actina muscolare liscia, anti-desmina. È stato inoltre effettuato un approfondimento ultrastrutturale per confermare la diagnosi istologica. All’istologia si osservava una neoplasia dermica non capsulata, scarsamente demarcata, altamente cellulare e infiltrante, costituita da cellule fusate disposte in vortici attorno ai capillari e sostenute da un moderato stroma fibrovascolare. Le cellule erano caratterizzate da moderata quantità di citoplasma eosinofilo, limiti cellulari indistinti, rapporto nucleo/citoplasmatico intermedio e nucleo ovale centrale con cromatina finemente granulare e nucleoli prominenti, color magenta, spesso multipli. Anisocitosi e anisocariosi erano moderate ed erano presenti una media di 2 mitosi per campo a forte ingrandimento, spesso atipiche. Multifocalmente si osservava un lieve infiltrato infiammatorio intratumorale costituito prevalentemente da piccoli linfociti e macrofagi carichi di pigmento giallo-brunastro, associato ad una moderata fibrosi. L’epidermide sovrastante era moderatamente iperplastica con degenerazione vacuolare e multifocali ulcere. Le cellule neoplastiche mostravano una positività multifocale e citoplasmatica all’actina mentre risultavano negative per i restanti anticorpi testati. Le caratteristiche istologiche, immunoistochimiche e ultrastrutturali sono compatibili con la diagnosi di tumore perivascolare.
2013
Atti del XIX Convegno Nazionale S.I.P.I. Società Italiana di Patologia Ittica
88
88
DESCRIZIONE DI UN TUMORE PERIVASCOLARE CUTANEO IN UNA CARPA KOI (CYPRINUS CARPIO KOI) / Sirri R.; Avallone G.; Brachelente C.; Mandrioli L.; Pretto T.. - STAMPA. - (2013), pp. 88-88. (Intervento presentato al convegno XIX Convegno Nazionale della Società Italiana di Patologia Ittica tenutosi a Siracusa-Aula Paolo Borsellino-Palazzo Vermexio nel 14-16 novembre2013).
Sirri R.; Avallone G.; Brachelente C.; Mandrioli L.; Pretto T.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/214233
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact