I carbonari romagnoli: élite politica o organizzazione di notabili?