Francesco I collezionista e Roma nel carteggio dei suoi agenti