Il saggio ripercorre il cammino che dal poliziesco Golden Age – fiducioso nel potere della ragione e della scienza, e concepito a sostegno dell’ordine – conduce all’anti-detective novel postmoderno, una forma che ribalta le premesse epistemologiche del genere da cui trae origine, conducendoci in un mondo segnato dall’inconoscibilità e dove a essere chiamata in causa è l’essenza delle cose, la dimensione ontologica.

L'infinito è un gioco di specchi / Maurizio Ascari. - STAMPA. - (2013), pp. 17-34.

L'infinito è un gioco di specchi

ASCARI, MAURIZIO
2013

Abstract

Il saggio ripercorre il cammino che dal poliziesco Golden Age – fiducioso nel potere della ragione e della scienza, e concepito a sostegno dell’ordine – conduce all’anti-detective novel postmoderno, una forma che ribalta le premesse epistemologiche del genere da cui trae origine, conducendoci in un mondo segnato dall’inconoscibilità e dove a essere chiamata in causa è l’essenza delle cose, la dimensione ontologica.
2013
Il detective, il lettore e lo scrittore: l'evoluzione del giallo metafisico in Poe, Borges, Auster
17
34
L'infinito è un gioco di specchi / Maurizio Ascari. - STAMPA. - (2013), pp. 17-34.
Maurizio Ascari
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/189873
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact