Sul lavoro "occasionale" e le variazioni della sua disciplina (con una critica dei modi in cui si definiscono, talora, le fattispecie)