“Colori e suoni delle origini” nasce dalla ricerca creativa di Andrea Benetti e Frank Nemola, che, attraverso l’unione di due mezzi espressivi quali pittura e musica, riescono a creare un progetto di “arte acustica”. I due artisti creano un ponte ideale tra le origini dell’uomo e la contemporaneità, tra le forme antiche ed essenziali di espressione e le odierne esemplificazioni dei sistemi digitali di comunicazione di massa utilizzando i due sensi per eccellenza dei due periodi: udito e vista. Nel testo si sottolinea infatti come “l’improvvisazione musicale-sonora di Frank Nemola, abbinata alle icone e ai colori dei quadri di Andrea Benetti, renda possibile, in chiave attuale e assolutamente contemporanea, il ritorno a quella sensorialità primigenia e originaria predicata oltre quarant’anni fa da Marshall McLuhan il quale, con le nozioni di “spazio visivo” e “spazio acustico” (The Medium is the Message, 1967), aveva teorizzato il ritorno dell’uomo ad una struttura sensoriale primordiale, piena di emozioni e di facoltà sinestetiche proprio grazie alla diffusione dei media elettronici”.

Andrea Benetti. Colori e suoni delle Origini/Andrea Benetti. Colors and sounds from the Origins / S.Grandi. - STAMPA. - (2013), pp. 1-87.

Andrea Benetti. Colori e suoni delle Origini/Andrea Benetti. Colors and sounds from the Origins

GRANDI, SILVIA
2013

Abstract

“Colori e suoni delle origini” nasce dalla ricerca creativa di Andrea Benetti e Frank Nemola, che, attraverso l’unione di due mezzi espressivi quali pittura e musica, riescono a creare un progetto di “arte acustica”. I due artisti creano un ponte ideale tra le origini dell’uomo e la contemporaneità, tra le forme antiche ed essenziali di espressione e le odierne esemplificazioni dei sistemi digitali di comunicazione di massa utilizzando i due sensi per eccellenza dei due periodi: udito e vista. Nel testo si sottolinea infatti come “l’improvvisazione musicale-sonora di Frank Nemola, abbinata alle icone e ai colori dei quadri di Andrea Benetti, renda possibile, in chiave attuale e assolutamente contemporanea, il ritorno a quella sensorialità primigenia e originaria predicata oltre quarant’anni fa da Marshall McLuhan il quale, con le nozioni di “spazio visivo” e “spazio acustico” (The Medium is the Message, 1967), aveva teorizzato il ritorno dell’uomo ad una struttura sensoriale primordiale, piena di emozioni e di facoltà sinestetiche proprio grazie alla diffusione dei media elettronici”.
2013
87
9788890851308
Andrea Benetti. Colori e suoni delle Origini/Andrea Benetti. Colors and sounds from the Origins / S.Grandi. - STAMPA. - (2013), pp. 1-87.
S.Grandi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/182301
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact