Negli stessi mesi in cui Françoise Hennebique deposita il brevetto del béton armé in Francia, sull’altra sponda dell’atlantico, a Boston, viene data alle stampe, la prima edizione del testo Essay on the Theory and History of Cohesive Construction, applied especially to the timbrel vault, di Rafael Moreno Guastavino. Siamo nel 1892. Nei successivi cinquant’anni, Rafael Guastavino e il figlio Exposito, parteciperanno, come progettisti-costruttori della Guastavino Fireproof Construction Company, alla realizzazione di circa mille opere di architettura in terra americana, soprattutto nell’area orientale degli Stati Uniti. La peculiare abilità tecnica, coniugata ad una specifica attitudine imprenditoriale, si esplicherà mediante la messa a punto di un procedimento costruttivo in pianelle di laterizio, capace di resistere e superare la competizione dei sistemi in acciaio, fornendo una soluzione concorrenziale in termini di sicurezza statica, di leggerezza, di rapidità di messa in opera e di resistenza al fuoco. Tutto ciò non appartiene alla dimensione colta della riflessione sulle teorie architettoniche, non trova spazio dentro una storia che indaga i significati e i valori espressivi restituiti dalle forme architettoniche, perché la sua valenza è tutta interna al mondo della Tecnica; l’opera dei Guastavino è infatti inevitabilmente costretta e celata dentro l’immagine di quelle forme a cui ha dato vita, fornendo risposte a quegli interrogativi sul funzionamento delle cose che poi, una volta soddisfatti, cessano di esistere e si inabissano appunto, dietro e dentro le immagini degli esiti ultimi, quelli dell’architettura costruita. In questo ambito, vive, al pari di Hennebique e di altri importanti sperimentatori-costruttori ottocenteschi, la vicenda dei Guastavino; una vicenda che richiede, legittimamente, di essere inserita come parte integrante di una storia della costruzione moderna, di cui il presente lavoro, fornisce solo un parziale contributo.

La costruzione Coesiva. L’opera dei Guastavino nell’America di fine Ottocento.

GULLI, RICCARDO
2006

Abstract

Negli stessi mesi in cui Françoise Hennebique deposita il brevetto del béton armé in Francia, sull’altra sponda dell’atlantico, a Boston, viene data alle stampe, la prima edizione del testo Essay on the Theory and History of Cohesive Construction, applied especially to the timbrel vault, di Rafael Moreno Guastavino. Siamo nel 1892. Nei successivi cinquant’anni, Rafael Guastavino e il figlio Exposito, parteciperanno, come progettisti-costruttori della Guastavino Fireproof Construction Company, alla realizzazione di circa mille opere di architettura in terra americana, soprattutto nell’area orientale degli Stati Uniti. La peculiare abilità tecnica, coniugata ad una specifica attitudine imprenditoriale, si esplicherà mediante la messa a punto di un procedimento costruttivo in pianelle di laterizio, capace di resistere e superare la competizione dei sistemi in acciaio, fornendo una soluzione concorrenziale in termini di sicurezza statica, di leggerezza, di rapidità di messa in opera e di resistenza al fuoco. Tutto ciò non appartiene alla dimensione colta della riflessione sulle teorie architettoniche, non trova spazio dentro una storia che indaga i significati e i valori espressivi restituiti dalle forme architettoniche, perché la sua valenza è tutta interna al mondo della Tecnica; l’opera dei Guastavino è infatti inevitabilmente costretta e celata dentro l’immagine di quelle forme a cui ha dato vita, fornendo risposte a quegli interrogativi sul funzionamento delle cose che poi, una volta soddisfatti, cessano di esistere e si inabissano appunto, dietro e dentro le immagini degli esiti ultimi, quelli dell’architettura costruita. In questo ambito, vive, al pari di Hennebique e di altri importanti sperimentatori-costruttori ottocenteschi, la vicenda dei Guastavino; una vicenda che richiede, legittimamente, di essere inserita come parte integrante di una storia della costruzione moderna, di cui il presente lavoro, fornisce solo un parziale contributo.
220
8831790226
R.Gulli
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/17129
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact