Con la Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza (RCVS) si intende riflettere su alcune questioni, quali la criminalità, le sue vittime e i problemi legati alla sicurezza, divenute prioritarie entro la società odierna nella consapevolezza che, sebbene siano aspetti derivanti da fattori diversi, essi richiedono soluzioni integrate, in aperto contrasto con ogni forma di semplificazione e di rigida dicotomia. Infatti, tutte le epoche hanno avvertito di essere in transizione verso qualcosa, tutte hanno avvertito lo scricchiolio del vecchio sotto la pressione di un nuovo ancora imprecisato attraversato da varie forme di vulnerabilità. La vulnerabilità, appunto, diviene una possibile chiave di lettura poiché essa si limita a proporre soluzioni a tinte sfumate, includendo contraddizioni e sollecitando esercizi e prove di approssimazione verso possibili ricerche di sicurezza in un contesto contraddistinto comunque dalla crescente complessità. Pertanto, tali trasformazioni sociali, in grado di generare nuove possibilità di vita e di sviluppo, ma anche di prevaricazione, di sopraffazione, di violenza, influenzano inevitabilmente la formazione di coloro che devono occuparsi di sicurezza e di controllo sociale. Si ritiene quindi che sia di rilevante attualità, da un punto di vista scientifico e culturale-politico, mettere a disposizione uno spazio entro cui possano confrontarsi criminologi, vittimologi, sociologi, psicologi, pedagogisti, operatori del diritto, studiosi di scienze sociali e giuridiche e esperti della sicurezza per delineare strategie di intervento, in un contesto sociale caratterizzato da complessità e ambiguità, rivolgendo una specifica attenzione alla possibilità di riconoscere e di restituire la capacità di agire a persone la cui esistenza è percorsa da processi critici che producono difficoltà e talvolta disperazione. In questa prospettiva, la Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza potrà accogliere anche contributi che affrontino gli aspetti teorici della vittimologia senza trascurare l'importanza che riveste, per coloro che a vario titolo sono coinvolti in un processo di aiuto alle vittime, la capacità di costruire relazioni e di leggere la realtà in modo critico e innovativo.

Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza / Sette R.. - In: RIVISTA DI CRIMINOLOGIA, VITTIMOLOGIA E SICUREZZA. - ISSN 1971-033X. - (In stampa/Attività in corso).

Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza

SETTE, RAFFAELLA
In corso di stampa

Abstract

Con la Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza (RCVS) si intende riflettere su alcune questioni, quali la criminalità, le sue vittime e i problemi legati alla sicurezza, divenute prioritarie entro la società odierna nella consapevolezza che, sebbene siano aspetti derivanti da fattori diversi, essi richiedono soluzioni integrate, in aperto contrasto con ogni forma di semplificazione e di rigida dicotomia. Infatti, tutte le epoche hanno avvertito di essere in transizione verso qualcosa, tutte hanno avvertito lo scricchiolio del vecchio sotto la pressione di un nuovo ancora imprecisato attraversato da varie forme di vulnerabilità. La vulnerabilità, appunto, diviene una possibile chiave di lettura poiché essa si limita a proporre soluzioni a tinte sfumate, includendo contraddizioni e sollecitando esercizi e prove di approssimazione verso possibili ricerche di sicurezza in un contesto contraddistinto comunque dalla crescente complessità. Pertanto, tali trasformazioni sociali, in grado di generare nuove possibilità di vita e di sviluppo, ma anche di prevaricazione, di sopraffazione, di violenza, influenzano inevitabilmente la formazione di coloro che devono occuparsi di sicurezza e di controllo sociale. Si ritiene quindi che sia di rilevante attualità, da un punto di vista scientifico e culturale-politico, mettere a disposizione uno spazio entro cui possano confrontarsi criminologi, vittimologi, sociologi, psicologi, pedagogisti, operatori del diritto, studiosi di scienze sociali e giuridiche e esperti della sicurezza per delineare strategie di intervento, in un contesto sociale caratterizzato da complessità e ambiguità, rivolgendo una specifica attenzione alla possibilità di riconoscere e di restituire la capacità di agire a persone la cui esistenza è percorsa da processi critici che producono difficoltà e talvolta disperazione. In questa prospettiva, la Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza potrà accogliere anche contributi che affrontino gli aspetti teorici della vittimologia senza trascurare l'importanza che riveste, per coloro che a vario titolo sono coinvolti in un processo di aiuto alle vittime, la capacità di costruire relazioni e di leggere la realtà in modo critico e innovativo.
In corso di stampa
2007
Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza / Sette R.. - In: RIVISTA DI CRIMINOLOGIA, VITTIMOLOGIA E SICUREZZA. - ISSN 1971-033X. - (In stampa/Attività in corso).
Sette R.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/162243
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact