Il lavoro educativo a confronto con la malattia mentale