Il saggio tratta dei gruppi professionali corporati a Bologna dal '500, all'entrata di Napoleone, ricostruendo i caratteri fondamentali delle singole Arti e delle figure cardine delle Società. Dalle fonti archivistiche emerge la centralità dell'istituto della cosiddetta "obbedienza" come filo conduttore di una lunghissima vicenda che riguardava l'organizzazione del lavoro anche con forme di limitazione della libertà individuale. Il "sistema delle Arti" così penetrava profondamente nella realtà cittadina contrassegnando una sorta di patto sociale che legava i ceti popolari al potere senatorio, anche in contrasto col potere del legato pontificio. Le Corporazioni a Bologna, a differenza di quel che accadde in altre città, rimasero fortemente vitali e capaci di seguire i tempi, sempre tese a ridefinire ruoli e opportunità contro il potere politico, che fino ai primi decenni del '700 (dopo i quali sopravvenne la crisi definitiva delle maggiori produzioni, anche del setificio) le usò come strumento essenziale all'economia e al controllo sociale.

Presenza e ruolo delle Società d'Arti e Mesrieri in una città di antico regime: Bologna secc. XVI-XVIII.

FABBRI, LIA
2004

Abstract

Il saggio tratta dei gruppi professionali corporati a Bologna dal '500, all'entrata di Napoleone, ricostruendo i caratteri fondamentali delle singole Arti e delle figure cardine delle Società. Dalle fonti archivistiche emerge la centralità dell'istituto della cosiddetta "obbedienza" come filo conduttore di una lunghissima vicenda che riguardava l'organizzazione del lavoro anche con forme di limitazione della libertà individuale. Il "sistema delle Arti" così penetrava profondamente nella realtà cittadina contrassegnando una sorta di patto sociale che legava i ceti popolari al potere senatorio, anche in contrasto col potere del legato pontificio. Le Corporazioni a Bologna, a differenza di quel che accadde in altre città, rimasero fortemente vitali e capaci di seguire i tempi, sempre tese a ridefinire ruoli e opportunità contro il potere politico, che fino ai primi decenni del '700 (dopo i quali sopravvenne la crisi definitiva delle maggiori produzioni, anche del setificio) le usò come strumento essenziale all'economia e al controllo sociale.
2004
Dalla Corporazione al Mutuo soccorso. Organizzazione e tutela del lavoro tra XVI e XX secolo
137
165
Gheza Fabbri L.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/14679
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact