Una collezione sul mercato nella Firenze di metà Settecento: a proposito del gabinetto di Jean de Baillou