Il vescovo-podestà: il caso di Albericone