Si riflette sulla prima mappa della Terra di cui la cultura occidentale abbia notizia, quella di Anassimandro, riportandola alla sua origine: al mito dello smembramento di Dioniso da parte dei Titani. Tale operazione non sarebbe stata possibile senza la riduzione della sua testa ad un volto, riduzione che in tal modo diventa il primo modello per la formalizzazione del nostro pianeta. Infine, il richiamo ai ritratti del Fayum, sintesi della cultura egiziana e di quella greco-latina al tempo del massimo splendore dell'impero romano, permette di comprendere le radici della geografia di Tolomeo, che fonda l'atto cartografico moderno.

DIONISO, LO SPECCHIO E IL RITRATTO GEOMETRICO DELLA TERRA

FARINELLI, FRANCO
2004

Abstract

Si riflette sulla prima mappa della Terra di cui la cultura occidentale abbia notizia, quella di Anassimandro, riportandola alla sua origine: al mito dello smembramento di Dioniso da parte dei Titani. Tale operazione non sarebbe stata possibile senza la riduzione della sua testa ad un volto, riduzione che in tal modo diventa il primo modello per la formalizzazione del nostro pianeta. Infine, il richiamo ai ritratti del Fayum, sintesi della cultura egiziana e di quella greco-latina al tempo del massimo splendore dell'impero romano, permette di comprendere le radici della geografia di Tolomeo, che fonda l'atto cartografico moderno.
RISCOPRIRE IL SILENZIO. AETE, MUSICA, POESIA, NATURA FRA ASCOLTO E COMUNICAZIONE
173
185
F. FARINELLI
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/14193
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact