Il contributo presenta gli esiti di una ricerca documentaria condotta da Barbara Ghelfi e Isabella Fedozzi e dedicata al conte ferrarese Antonio Costabili (1450ca.-1527), figura di spicco del ceto dirigente ferrarese negli anni di Alfonso I d'Este.I dati fattuali tratti dalle carte d'archivio vengono intrecciati con questioni aperte e proposte interpretative allo scopo di fare luce sui temi e gli autori della cosiddetta Sala del Tesoro, rara decorazione ad affresco di primo Cinquecento promossa da Antonio Costabili nel suo palazzo ferrarese (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale). Grazie alle notizie documentarie rinvenute Ghelfi propone di riconoscere Gabriele di Bonaventura Bonazoli detto il Gabrielletto (notizie dal 1479-ante 1533) e Giovanni Maria da Vento tra i pittori che lavorarono a fianco del Garofalo nella Sala del Tesoro. Seppur comprimari di figure più celebri, essi dimostrarono la capacità di elaborare un linguaggio figurativo che presentava tratti di autonomia e che potè incontrare esigenze più variegate rispetto a quelle strettamente principesche o cortigiane.

Nuovi documenti e ipotesi di lavoro su un committente ferrarese nell’età di Alfonso I : il conte Antonio Costabili / Ghelfi B.; Fedozzi I.. - STAMPA. - (2007), pp. 65-76.

Nuovi documenti e ipotesi di lavoro su un committente ferrarese nell’età di Alfonso I : il conte Antonio Costabili

GHELFI, BARBARA;
2007

Abstract

Il contributo presenta gli esiti di una ricerca documentaria condotta da Barbara Ghelfi e Isabella Fedozzi e dedicata al conte ferrarese Antonio Costabili (1450ca.-1527), figura di spicco del ceto dirigente ferrarese negli anni di Alfonso I d'Este.I dati fattuali tratti dalle carte d'archivio vengono intrecciati con questioni aperte e proposte interpretative allo scopo di fare luce sui temi e gli autori della cosiddetta Sala del Tesoro, rara decorazione ad affresco di primo Cinquecento promossa da Antonio Costabili nel suo palazzo ferrarese (oggi sede del Museo Archeologico Nazionale). Grazie alle notizie documentarie rinvenute Ghelfi propone di riconoscere Gabriele di Bonaventura Bonazoli detto il Gabrielletto (notizie dal 1479-ante 1533) e Giovanni Maria da Vento tra i pittori che lavorarono a fianco del Garofalo nella Sala del Tesoro. Seppur comprimari di figure più celebri, essi dimostrarono la capacità di elaborare un linguaggio figurativo che presentava tratti di autonomia e che potè incontrare esigenze più variegate rispetto a quelle strettamente principesche o cortigiane.
2007
Il Camerino delle pitture di Alfonso I. Dosso Dossi e la pittura a Ferrara negli anni del ducato di Alfonso I. Tomo sesto
65
76
Nuovi documenti e ipotesi di lavoro su un committente ferrarese nell’età di Alfonso I : il conte Antonio Costabili / Ghelfi B.; Fedozzi I.. - STAMPA. - (2007), pp. 65-76.
Ghelfi B.; Fedozzi I.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/139032
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact