Grazie a inediti documenti d'archivio, il contributo riesamina le vicende collezionistiche del complesso decorativo che un tempo ornava uno dei luoghi mitici della Ferrara estense: i Camerini d'alabastro voluti da Alfonso I d'Este sulla via Coperta. Le nuove testimonianze rinvenute nell'Archivio Segreto Estense, depositato presso l'Archivio di Stato di Modena, permettono di fare luce sul trasferimento di dipinti e bassorilievi da Ferrara a Modena dopo la Devoluzione (dal 1598). Alcune lettere scambiate tra Gherardo Martinengo e il duca Francesco I d'Este aggiungono poi dati significativi sia sullo spostamento dei bassorilievi di Antonio Lombardo da Modena a Sassuolo, sia sull'attività del quadraturista bresciano Ottavio Viviani (1579 ca.-1641) che, proprio grazie alla mediazione del marchese Martinengo, venne reclutato dal duca per la decorazione del Palazzo ducale di Sassuolo.

A margine di una celebre dispersione. Nuovi commenti sui Camerini di Alfonso I d'Este: documenti e appunti sul trasferimento a Modena della decorazione della via Coperta (1598-1640) / Ghelfi B.. - STAMPA. - (2011), pp. 23-34.

A margine di una celebre dispersione. Nuovi commenti sui Camerini di Alfonso I d'Este: documenti e appunti sul trasferimento a Modena della decorazione della via Coperta (1598-1640)

GHELFI, BARBARA
2011

Abstract

Grazie a inediti documenti d'archivio, il contributo riesamina le vicende collezionistiche del complesso decorativo che un tempo ornava uno dei luoghi mitici della Ferrara estense: i Camerini d'alabastro voluti da Alfonso I d'Este sulla via Coperta. Le nuove testimonianze rinvenute nell'Archivio Segreto Estense, depositato presso l'Archivio di Stato di Modena, permettono di fare luce sul trasferimento di dipinti e bassorilievi da Ferrara a Modena dopo la Devoluzione (dal 1598). Alcune lettere scambiate tra Gherardo Martinengo e il duca Francesco I d'Este aggiungono poi dati significativi sia sullo spostamento dei bassorilievi di Antonio Lombardo da Modena a Sassuolo, sia sull'attività del quadraturista bresciano Ottavio Viviani (1579 ca.-1641) che, proprio grazie alla mediazione del marchese Martinengo, venne reclutato dal duca per la decorazione del Palazzo ducale di Sassuolo.
2011
Fare e disfare. Studi sulla dispersione delle opere d'arte in Italia tra XVI e XIX secolo
23
34
A margine di una celebre dispersione. Nuovi commenti sui Camerini di Alfonso I d'Este: documenti e appunti sul trasferimento a Modena della decorazione della via Coperta (1598-1640) / Ghelfi B.. - STAMPA. - (2011), pp. 23-34.
Ghelfi B.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/139027
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact