Angelo Guglielmi e la contro-realtà del comico