Parola e voce, tra articolazione e trasparenza