Rozzo poeta o genio sublime? L’alterna fortuna di Dante nel Settecento