Il saggio esamina l'affermazione dei formati anamorfici nel cinema italiano degli anni Cinquanta e Sessanta. Si analizza in particolare il modo in cui il'introduzione dei formati panoramici derivati dal CinemaScope sia discussa nelle riviste tecniche e di settore, tra l'entusiasmo degli esercenti e la diffidenza di quadri tecnici ed artistici. Viene dedicato ampio spazio alla nascita del Techniscope-2P, formato di grande successo nella seconda metà degli anni Sessanta, il quale, per le sue doti di economicità, versatilità e maneggevolezza, riesce a rappresentare un ottimo esempio di convergenza tra le diverse esigenze che si incrociano nella filiera cinematografica.

La confusione dei formati

NOTO, PAOLO
2005

Abstract

Il saggio esamina l'affermazione dei formati anamorfici nel cinema italiano degli anni Cinquanta e Sessanta. Si analizza in particolare il modo in cui il'introduzione dei formati panoramici derivati dal CinemaScope sia discussa nelle riviste tecniche e di settore, tra l'entusiasmo degli esercenti e la diffidenza di quadri tecnici ed artistici. Viene dedicato ampio spazio alla nascita del Techniscope-2P, formato di grande successo nella seconda metà degli anni Sessanta, il quale, per le sue doti di economicità, versatilità e maneggevolezza, riesce a rappresentare un ottimo esempio di convergenza tra le diverse esigenze che si incrociano nella filiera cinematografica.
L'arte del risparmio: stile e tecnologia. Il cinema a basso costo in Italia negli anni Sessanta.
108
124
P. Noto
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/131244
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact