Un “fornaio” innamorato delle giornate «uttisciane»