Il saggio prende in esame gli autori, le opere e le varie tipologie di forme gnomiche italiane nell'Umanesimo e nel Rinascimento. Sono in particolare presentati e analizzati i "Detti piacevoli" di Poliziano, le "Facezie" di Poggio Bracciolini, i "Ricordi" di Guicciardini, i "Paradossi" di Ortensio Lando, gli epigrammi di Beccadelli e Pontano.

Autori e modelli di forme gnomiche umanistiche e rinascimentali

RUOZZI, GINO
2011

Abstract

Il saggio prende in esame gli autori, le opere e le varie tipologie di forme gnomiche italiane nell'Umanesimo e nel Rinascimento. Sono in particolare presentati e analizzati i "Detti piacevoli" di Poliziano, le "Facezie" di Poggio Bracciolini, i "Ricordi" di Guicciardini, i "Paradossi" di Ortensio Lando, gli epigrammi di Beccadelli e Pontano.
Tradition et créativité dan les formes gnomiques en Italie et en Europe du Nord (XIVe-XVIIe siècles)
11
31
G. Ruozzi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/126330
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact