Sulla circolazione dei testi teatrali spagnoli del Siglo de oro in Italia sono stati condotti negli ultimi anni sondaggi accuratissimi. Sappiamo che edizioni, traduzioni e adattamenti delle comedias di Calderón de la Barca, Lope de Vega, Rojas Zorrilla, Antonio de Solís, Jacinto Herrera y Sotomayor, Agustín Moreto, Antonio Coello fioriscono a Milano, Venezia, Bologna, Firenze, Roma e Napoli lungo tutto l’arco del Seicento. Per ricordare alcuni esempi, dalla Vida es sueño di Calderón derivano gli adattamenti di Raffaele Tauro, Giacinto Andrea Cicognini e Andrea Bendinelli; El conde de Sex di Antonio Coello produce la traduzione di Niccolò Biancolelli ed alcuni scenari di comici dell’arte; Angela d’Orso ricava da Calderón Con chi vengo vengo, Di bene in meglio, Amore, onore e potere; nell’Inganno fortunato Brigida Bianchi traduce probabilmente la calderoniana Despreciada querida; Orsola Biancolelli dà alle stampe una sua versione della Hermosa fea di Lope (La bella brutta, Parigi, 1665). Ma la casistica è assai più ampia.

Lope de Vega negli intrecci dei drammi per musica veneziani

BADOLATO, NICOLA
2011

Abstract

Sulla circolazione dei testi teatrali spagnoli del Siglo de oro in Italia sono stati condotti negli ultimi anni sondaggi accuratissimi. Sappiamo che edizioni, traduzioni e adattamenti delle comedias di Calderón de la Barca, Lope de Vega, Rojas Zorrilla, Antonio de Solís, Jacinto Herrera y Sotomayor, Agustín Moreto, Antonio Coello fioriscono a Milano, Venezia, Bologna, Firenze, Roma e Napoli lungo tutto l’arco del Seicento. Per ricordare alcuni esempi, dalla Vida es sueño di Calderón derivano gli adattamenti di Raffaele Tauro, Giacinto Andrea Cicognini e Andrea Bendinelli; El conde de Sex di Antonio Coello produce la traduzione di Niccolò Biancolelli ed alcuni scenari di comici dell’arte; Angela d’Orso ricava da Calderón Con chi vengo vengo, Di bene in meglio, Amore, onore e potere; nell’Inganno fortunato Brigida Bianchi traduce probabilmente la calderoniana Despreciada querida; Orsola Biancolelli dà alle stampe una sua versione della Hermosa fea di Lope (La bella brutta, Parigi, 1665). Ma la casistica è assai più ampia.
Norme per lo spettacolo, Norme per lo spettatore. Teoria e prassi del teatro intorno all’“Arte Nuevo”
359
375
N. Badolato
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/126208
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact