La Resistenza, tra spinte autonome e tentativi di centralizzazione, annovera al suo interno una continua dinamica di opposizione che mina la possibilità di un'organizzazione compiuta. L'antifascismo convive per sua natura con il problema dell'unità. Un problema di sdoppiamento che si moltiplica per tutte le piccole realtà locali italiane, ognuna animata da contrasti e conciliazioni negate. Comune denominatore è la questione del comando, nazionale e locale, e delle mediazioni politiche e militari che concorrono alla formazione degli organigrammi resistenziali. Talvolta le mediazioni saltano e resta lo spazio solo per l'azione di forza.

La Resistenza tra unità e conflitto. Vicende parallele tra dimensione nazionale e realtà piacentina

DONDI, MIRCO
2004

Abstract

La Resistenza, tra spinte autonome e tentativi di centralizzazione, annovera al suo interno una continua dinamica di opposizione che mina la possibilità di un'organizzazione compiuta. L'antifascismo convive per sua natura con il problema dell'unità. Un problema di sdoppiamento che si moltiplica per tutte le piccole realtà locali italiane, ognuna animata da contrasti e conciliazioni negate. Comune denominatore è la questione del comando, nazionale e locale, e delle mediazioni politiche e militari che concorrono alla formazione degli organigrammi resistenziali. Talvolta le mediazioni saltano e resta lo spazio solo per l'azione di forza.
418
8842493996
M. Dondi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/12451
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact