Il danno al malato terminale