Lo studio sulle attività alieutiche nei secoli dell'età moderna consente di ricostruire una specifica storia del Mediterraneo che trova nel Cinquecento un'epoca di transizione tra antiche e nuove maniere di pescare. La ricerca sulle fonti archivistiche ha restituito un quadro assai efficace dell'evoluzione della pesca dal XVI al XIX secolo che permette di seguire il passaggio dalla pratiche piscatorie svolte prevalentemente in prossimità della costa, a tecniche di pesca a strascico in alto mare esercitate con l'ausilio di tipi navali e attrezzature fino a quel momento mai sperimentati. L'aumento della produzione sollecita anche una migliore organizzazione dello smercio del pesce con l'utilizzo di ghiaccio per bloccare il facile deperimento del prodotto (conserve, neviere) e favorirne il trasporto sulle lunghe distanze. Nonostante le non poche problematiche sociali e organizzative del settore si avvia la trasformazione del commercio ittico che porta fra Sette e Novecento, in virtù del significativo allargamento della rete distributiva del prodotto fresco, anche un radicale cambiamento nelle abitudini alimentari.

M.L. De Nicolò (2012). Per la storia della pesca nel Mediterraneo. ROMA : Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Fo.

Per la storia della pesca nel Mediterraneo

DE NICOLO', MARIA LUCIA
2012

Abstract

Lo studio sulle attività alieutiche nei secoli dell'età moderna consente di ricostruire una specifica storia del Mediterraneo che trova nel Cinquecento un'epoca di transizione tra antiche e nuove maniere di pescare. La ricerca sulle fonti archivistiche ha restituito un quadro assai efficace dell'evoluzione della pesca dal XVI al XIX secolo che permette di seguire il passaggio dalla pratiche piscatorie svolte prevalentemente in prossimità della costa, a tecniche di pesca a strascico in alto mare esercitate con l'ausilio di tipi navali e attrezzature fino a quel momento mai sperimentati. L'aumento della produzione sollecita anche una migliore organizzazione dello smercio del pesce con l'utilizzo di ghiaccio per bloccare il facile deperimento del prodotto (conserve, neviere) e favorirne il trasporto sulle lunghe distanze. Nonostante le non poche problematiche sociali e organizzative del settore si avvia la trasformazione del commercio ittico che porta fra Sette e Novecento, in virtù del significativo allargamento della rete distributiva del prodotto fresco, anche un radicale cambiamento nelle abitudini alimentari.
2012
Lo stato della pesca e dell'aquacoltura nei mari italiani
32
37
M.L. De Nicolò (2012). Per la storia della pesca nel Mediterraneo. ROMA : Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Fo.
M.L. De Nicolò
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/120399
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact