Il deal Koltès/Chéreau o Del futuro della regia nel XXI secolo