La crisi del personaggio nei romanzi di Svevo e Pirandello