La trascendenza, «luogo» dell'umano