Attraversando il Barocco: la princeps del Cane di Diogene