La carne delle immagini. Testori di fronte a Longhi (e a Pasolini)