Recupero e conservazione "in situ": l'esempio del Cavallo del Ventasso