La meraviglia, l'admiratio - rifiutata dalla filosofia in quanto passione negativa - è una caratteristica costante della poesia d'amore: si analizza la presenza del lessico della meraviglia, in particolare in associazione allo sguardo d'amore, da Catullo ad Ovidio, l'autore più visivo della letteratura latina. L'episodio di Narciso nelle Metamorfosi ne è l'esempio più rilevante. Giocando parodisticamente col tema filosofico del "non meravigliarsi" (meden thaumazein), Catullo 69 lo unisce al tema comico della puzza di caprone.

Admirari nella poesia d’amore da Catullo a Ovidio / F. Citti. - STAMPA. - (2011), pp. 121-137.

Admirari nella poesia d’amore da Catullo a Ovidio

CITTI, FRANCESCO
2011

Abstract

La meraviglia, l'admiratio - rifiutata dalla filosofia in quanto passione negativa - è una caratteristica costante della poesia d'amore: si analizza la presenza del lessico della meraviglia, in particolare in associazione allo sguardo d'amore, da Catullo ad Ovidio, l'autore più visivo della letteratura latina. L'episodio di Narciso nelle Metamorfosi ne è l'esempio più rilevante. Giocando parodisticamente col tema filosofico del "non meravigliarsi" (meden thaumazein), Catullo 69 lo unisce al tema comico della puzza di caprone.
2011
Le parole della passione. Studi sul lessico poetico latino
121
137
Admirari nella poesia d’amore da Catullo a Ovidio / F. Citti. - STAMPA. - (2011), pp. 121-137.
F. Citti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/111171
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact