Nel volume sono descritti i vari aspetti che hanno portato alla creazione di un’industria petrolifera in Emilia tra la metà dell’Ottocento e i primi del Novecento. Nel tentativo di calarsi nella realtà economica, tecnica e scientifica di quel periodo, sono stati descritti, in sintesi, alcuni punti salienti della storia politica ed economica d’Italia, della storia industriale del petrolio in Emilia, della storia della tecnica di perforazione dei pozzi e delle conoscenze geologiche dell’Appennino settentrionale. Si è infine ritenuto utile accompagnare il volume con il testo completo dello studio degli Ingegneri Enrico Camerana e Bartolomeo Galdi, funzionari del distretto minerario di Bologna, intitolato I giacimenti petroleiferi dell’Emilia, e pubblicato a Bologna nel 1911. Come termine temporale ultimo delle ricerche esposte in questo volume, è stato assunto l’anno 1911. Ciò è stato fatto per varie ragioni; infatti, quell’anno può essere considerato come una pietra miliare per la storia del petrolio non solo in Emilia, ma anche in Italia e, forse, nel mondo. In primo luogo, perché lo studio di Camerana e Galdi costituisce un’insostituibile testimonianza dello stato della ricerca e dell’industria estrattiva petrolifera emiliana. In secondo luogo, poiché nel 1911 fu promulgato in Italia il primo provvedimento diretto a favore della ricerca petrolifera nazionale. Il provvedimento fu molto criticato da Luigi Einaudi, che proprio in quell’anno sferrò acute critiche a coloro che egli definiva “i trivellatori di stato”. Infine, per il fatto che il 1911 può essere considerato a livello mondiale un anno cruciale per il petrolio, poiché si sancisce, seppur solo convenzionalmente, la data di avvio della sua scalata al predominio sul carbone come materia prima per la produzione di energia: nel 1911 Winston Churchill fu nominato primo Lord dell’ammiragliato britannico e i programmi navali immediatamente successivi a quell’anno videro la trasformazione del sistema di propulsione della flotta militare inglese dal carbone al petrolio.

L'industria petrolifera in Emilia tra Otto e Novecento

MACINI, PAOLO;MESINI, EZIO
2011

Abstract

Nel volume sono descritti i vari aspetti che hanno portato alla creazione di un’industria petrolifera in Emilia tra la metà dell’Ottocento e i primi del Novecento. Nel tentativo di calarsi nella realtà economica, tecnica e scientifica di quel periodo, sono stati descritti, in sintesi, alcuni punti salienti della storia politica ed economica d’Italia, della storia industriale del petrolio in Emilia, della storia della tecnica di perforazione dei pozzi e delle conoscenze geologiche dell’Appennino settentrionale. Si è infine ritenuto utile accompagnare il volume con il testo completo dello studio degli Ingegneri Enrico Camerana e Bartolomeo Galdi, funzionari del distretto minerario di Bologna, intitolato I giacimenti petroleiferi dell’Emilia, e pubblicato a Bologna nel 1911. Come termine temporale ultimo delle ricerche esposte in questo volume, è stato assunto l’anno 1911. Ciò è stato fatto per varie ragioni; infatti, quell’anno può essere considerato come una pietra miliare per la storia del petrolio non solo in Emilia, ma anche in Italia e, forse, nel mondo. In primo luogo, perché lo studio di Camerana e Galdi costituisce un’insostituibile testimonianza dello stato della ricerca e dell’industria estrattiva petrolifera emiliana. In secondo luogo, poiché nel 1911 fu promulgato in Italia il primo provvedimento diretto a favore della ricerca petrolifera nazionale. Il provvedimento fu molto criticato da Luigi Einaudi, che proprio in quell’anno sferrò acute critiche a coloro che egli definiva “i trivellatori di stato”. Infine, per il fatto che il 1911 può essere considerato a livello mondiale un anno cruciale per il petrolio, poiché si sancisce, seppur solo convenzionalmente, la data di avvio della sua scalata al predominio sul carbone come materia prima per la produzione di energia: nel 1911 Winston Churchill fu nominato primo Lord dell’ammiragliato britannico e i programmi navali immediatamente successivi a quell’anno videro la trasformazione del sistema di propulsione della flotta militare inglese dal carbone al petrolio.
328
9788849135633
P. Macini; E. Mesini
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/110513
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact