Il panorama letterario all'inizio del terzo millennio è caratterizzato dal flusso globale delle conoscenze, dal continuo incrociarsi delle identità, dal meticciato delle culture. Le letterature esaminate nel volume costituiscono la migliore espressione dell'odierna molteplicità di visioni e di voci, mescolanza di lingue, creazione di nuovi spazi e nuovi idiomi. Partendo dalle forme della "colonizzazione culturale" operata dalle grandi potenze occidentali, dai primi conquistadores alla grande Inghilterra imperiale vittoriana, il libro ridisegna i tratti del fenomeno letterario, così come si configura nelle colonie. Successivamente, vengono discussi i problemi dell'indipendenza e della decolonizzazione, soffermandosi sull'assoluta originalità di autori come Rushdie, Ben Jelloun, Vargas Llosa, Fuentes, Garcia Marquez, Carey, Ondaatje, per non citare che i più famosi, e sul pensiero di teorici quali Fanon, Said, Glissant, Bhabha, Spivak. Vasto spazio è dedicato inoltre alle letterature della diaspora, alle tematiche e ai modi della narrativa di emigrazione, al rapporto tra lingua e identità, tra storia, memoria e tempo, nazione e narrazione, reale e fantastico, per giungere, da ultimo, alla definizione di una possibile World Literature.

Lo sguardo dell'altro. Le letterature postcoloniali

ALBERTAZZI, SILVIA
2011

Abstract

Il panorama letterario all'inizio del terzo millennio è caratterizzato dal flusso globale delle conoscenze, dal continuo incrociarsi delle identità, dal meticciato delle culture. Le letterature esaminate nel volume costituiscono la migliore espressione dell'odierna molteplicità di visioni e di voci, mescolanza di lingue, creazione di nuovi spazi e nuovi idiomi. Partendo dalle forme della "colonizzazione culturale" operata dalle grandi potenze occidentali, dai primi conquistadores alla grande Inghilterra imperiale vittoriana, il libro ridisegna i tratti del fenomeno letterario, così come si configura nelle colonie. Successivamente, vengono discussi i problemi dell'indipendenza e della decolonizzazione, soffermandosi sull'assoluta originalità di autori come Rushdie, Ben Jelloun, Vargas Llosa, Fuentes, Garcia Marquez, Carey, Ondaatje, per non citare che i più famosi, e sul pensiero di teorici quali Fanon, Said, Glissant, Bhabha, Spivak. Vasto spazio è dedicato inoltre alle letterature della diaspora, alle tematiche e ai modi della narrativa di emigrazione, al rapporto tra lingua e identità, tra storia, memoria e tempo, nazione e narrazione, reale e fantastico, per giungere, da ultimo, alla definizione di una possibile World Literature.
194
9788843016044
S. Albertazzi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/108747
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact