Nella primavera del 1955 Edoardo Gellner, già da tempo impegnato nella progettazione di Corte di Cadore, si dedica allo studio della colonia di vacanza che avrebbe dovuto far parte del villaggio voluto da Mattei e che, una volta realizzata, sarebbe stata in grado di ospitare ben 600 bambini. I quindicinali in cui Gellner annota meticolosamente gli eventi che riguardano la sua vita professionale e quella dello studio riportano, in data 5 giugno 1955, la visita di sopralluogo dell’architetto alla colonia Agip di Cesenatico. Naturalmente la visita a Cesenatico, lo studio della colonia progettata da Vaccaro, l’analisi della sua struttura organizzativa, racchiudono una ragione ben precisa. Il programma gestionale a cui Gellner viene infatti chiamato a fare riferimento per la progettazione della colonia di Borca di Cadore è proprio quello della colonia Agip. Tra le due realizzazioni esiste, in realtà, più di qualche elemento in comune. Tuttavia, pur basandosi su di un programma gestionale del tutto analogo, le due colonie fanno evidentemente riferimento ad un differente approccio nella definizione dello spazio, anche in relazione alla dimensione del bambino.

Case per i bambini

MUCELLI, ELENA
2011

Abstract

Nella primavera del 1955 Edoardo Gellner, già da tempo impegnato nella progettazione di Corte di Cadore, si dedica allo studio della colonia di vacanza che avrebbe dovuto far parte del villaggio voluto da Mattei e che, una volta realizzata, sarebbe stata in grado di ospitare ben 600 bambini. I quindicinali in cui Gellner annota meticolosamente gli eventi che riguardano la sua vita professionale e quella dello studio riportano, in data 5 giugno 1955, la visita di sopralluogo dell’architetto alla colonia Agip di Cesenatico. Naturalmente la visita a Cesenatico, lo studio della colonia progettata da Vaccaro, l’analisi della sua struttura organizzativa, racchiudono una ragione ben precisa. Il programma gestionale a cui Gellner viene infatti chiamato a fare riferimento per la progettazione della colonia di Borca di Cadore è proprio quello della colonia Agip. Tra le due realizzazioni esiste, in realtà, più di qualche elemento in comune. Tuttavia, pur basandosi su di un programma gestionale del tutto analogo, le due colonie fanno evidentemente riferimento ad un differente approccio nella definizione dello spazio, anche in relazione alla dimensione del bambino.
Edoardo Gellner. Similitudine, distinzione, identità
76
87
E. Mucelli
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/108241
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact