La società dei letterati è repubblicana: la repubblica del (e nel) "Caffè"